venerdì 21 aprile 2017

Vivere nelle Matrix

Sapete cosa significa vivere nelle Matrix? Significa correre come tanti Pinocchio (attenzione, non ho scelto Pinocchio solo perchè è il burattino più famoso) verso il perseguimento delle proprie vuote ambizioni, come tante formiche filoguidate dal proprio senso del possesso. 

Dipendenti da oggetti con poca utilità se non quella di essere “connessi” o “social”, schiavi di pubblicità che creano memi atti a rinforzare il controllo, servi di “gabbie sociali” che si autoalimentano in un gigantesco Ouroboros di sfruttamento, dove il controllore ed il controllato sono essi stessi schiavi di un sistema strategico di origine “sconosciuta” ai più e sottaciuta da chi invece ne conosce la genesi. Frotte di “Anonimous” che inneggiano alla libertà globale protestano con indosso il “marchio della bestia” che si propongono di combattere, Levi’s... Adidas...Nike tutti in fila a comprare con i soldi faticosamente sudati e sperperati in nome di  Leviatani del commercio. Anonimous che, dietro le tastiere o in prima linea a tirare sassi in nome di memi inculcati loro dagli stessi media che combattono, sono controllati dagli smartphone che indicano posizioni precise con scarti di mezzo metro dal loro “ignoto” luogo di sosta.



Selfie’s in nome del dio ego che muovono milioni di byte “Dalla produzione dei sempre più numerosi apparecchi connessi a internet alla loro ricarica, dalla creazione della rete su cui viaggiano i dati fino all’alimentazione degli enormi archivi in cui vengono custoditi: internet ha continuamente bisogno di elettricità. A succhiarla sono soprattutto i data center: biblioteche virtuali di file che necessitano di enormi quantità di energia per essere alimentate, raffreddate, monitorate”. Secondo Greenpeaceha, se nel 2012 i data center consumavano il 15 per cento dell’energia totale dell’intero comparto ICT (cioé delle tecnologie dell’informazione e delle comunicazioni), entro il 2017 la percentuale salirà al 21 per cento, scalzando in importanza il fabbisogno energetico delle reti. In termini assoluti, tra 2008 e 2013 il consumo di energia dei data center è già quasi raddoppiato (Fonte http://www.lastampa.it/2016/05/07/tecnologia/news/unora-di-streaming-a-settimana-consuma-pi-di-due-frigoriferi-BjZWeZRXZSjkJ1oEy8va8M/pagina.html). Ecco come le Matrix si alimentano, distruggendo ed inquinando solo per elevare ego ipertrofici al loro rango di “semidei”. I burattini inconsapevoli fanno file per generi inutili come i nostri nonni facevano le file per prendere il pane, “ai forni si facevano lunghe code per aspettare la distribuzione; alcuni si piazzavano davanti al negozio alle 4 di mattina, quand'era ancora notte. (come fanno oggi molti per comprare l'ultimo modello dell' I-Pad ) e davano una candela a testa che doveva durare un mese” (fonte http://www.storiologia.it/mussolini/razionamenti.htm), certo i tempi sono cambiati! 

Ed è giusto così, ma la bilancia ha subito un forte squilibrio in senso opposto, togliendo individualità e sostituendo con il possesso, togliendo dignità al posto dell’insensatezza, dando importanza a ciò che non è importante e togliendo valore e ciò che in realtà ne possiede. 



E’ un mondo dove la moltitudine ha sostituito la qualità, dove ciò che compri non dura che qualche anno, per assodare l’effimeratezza della giostra e permettere ai produttori di continuare a vendere all’infinito.
Falene senza futuro che cercano di dare un senso alla loro vuota esistenza aggrappandosi a relitti tecnologici e altre futilità in un eterno samsara di dolore, sacrificio e morte, senza nessun altro obbiettivo se non elevare il proprio status con ogni mezzo. Uno specchietto realistico? Bene!
Il giovane Mario viene mantenuto agli studi, trova la sua compagna, imposta una relazione superficiale perche entrambi pretendono una vita svincolata dalle responsabilità (poche uscite insieme e fine settimana ognuno balla con sua nonna), finisce gli studi (o non li finisce, o non li comincia affatto) trova un lavoro (che accetta di malagrazia) si sposa, Luna di miele nei paradisi tropicali (per farsi vedere dagli amici) e COMPRA CASA!!! Iniziando una serie di rate, mutui, prestiti e cambiali, poi la macchina (consigliato dalle pubblicità della tv o cercando di superare il vicino in cilindrata e valore della sua auto) poi smartphone, TV ultimo modello che farebbe impallidire un cinema, poi compra i pacchetti per vedere le partite di calcio, poi vuole le vacanze ai caraibi e le settimane bianche, ovviamente anche la neomoglie deve iniziare a lavorare per mantenere il livello economico sufficiente per poter pagare le rate, livello di intimità? ZERO, Livello di empatia ZERO, livello di stanchezza? DIECI! Quindi dopo qualche anno tutto il costrutto economico e sociale di questa coppia rovina a terra tra stanchezza e magari tradimenti, e la catena karmica negativa continua con la nascita dei figli, benvenuto al neonato Mario che continuerà la dinastia! Certo, questo è uno spaccato volutamente esasperato e pessimistico, ma non così raro... tutt’altro purtroppo.
Come spezzare le catene delle Matrix? Svegliandosi alla consapevolezza e sviluppando quelle doti predittive che inducono alla riflessione prima di creare la causa che immancabilmente possa condurre a quel determinato effetto, imparando a gestire il proprio ego determinando una discrimina sull’adeguatezza dei propri desideri, acquistando coscienza sulle priorità che conducono alla vera felicità ed imparando che è importante la qualità dei rapporti e non il numero di amici su facebook, adeguandosi alla propria “velocità” e non spingendo sempre sull’acceleratore per arrivare primi.


Wake up people!

martedì 18 aprile 2017

La Matrix delle religioni


Come abbiamo potuto constatare dall’inizio del percorso inerente le teorie sulla Matrice (Velo di Maya, Velo dell’ignoranza, Matrix o Velo dell’illusione) definisco Matrix tutto ciò che massifica, compatta e costringe in un intero assieme, sia di carattere cosmologico e via via sino al fenomeno sociale che corrisponda ai canoni descritti. Un analogia tra Matrix e memi ne è un esempio, dove la mente viene costretta da tormentoni ascoltati o visti in tv o sui social, tipo quella canzonetta che non riesci a smettere di cantare mentalmente, o quella frase tipo  Mi consenta” di Silvio Berlusconi,  l'espressioni “é la tua risposta definitiva? L'Accendiamo?” o “Chiedo l'aiuto da casa” del programma televisivo “Chi vuol essere milionario”, oppure “compro una vocale” , “giro la ruota”, etcc, tormentoni di noti quiz televisivi fino ad arrivare al recentissimo “No Maria! Io esco” all'interno del programma “Uomini e donne” (utilizzato nel mondo dei social network come risposta ad una frase assurda – Fonte http://www.percorsinara.it/13/blog/teoria_dei_memi_tra_gossip_bufale_e_barbra_streisand.html )  Il concetto teoretico di Matrix Religiosa viene resa  evidente dalla definizione tratta dall’enciclopedia Treccani - religióne s. f. [dal lat. religio -onis, prob. affine a religare «legare», con riferimento al valore vincolante degli obblighi e dei divieti sacrali]. – 1. a. Complesso di credenze, sentimenti, riti che legano un individuo o un gruppo umano con ciò che esso ritiene sacro, in particolare con la divinità. (DIVinità, Deva, Devozione, atti sacri che subordinano l’uomo nei confronti di una Divinità a cui chiedono e che pregano per avere in cambio beni terreni o salute).
Come da definizione, le religioni contengono già nel loro nome lo scopo per cui sono state create, ovvero relegare, recintare, rinchiudere, massificare in un unico recinto... unico il vero dramma cosmico da cui la stessa unità si è allontanata dando origine alla successione numerica.
In nome dei vari dei si è ucciso e possiamo notare come per gli dei che in molti amano, noi siamo solo carne da macello, prendendo in esame le due maggiori religioni esistenti possiamo leggere in varie Sure del Corano:
– “Prendetelo (l’infedele n.d.t.) ed incatenatelo ed esponetelo al fuoco dell’inferno” [Sura 69:30]
– “Instillerò il terrore nel cuore dei non credenti, colpite sopra il loro collo e tagliate loro la punta di tutte le dita” [Sura 8:12]

– “Essi (gli infedeli ndr) devono essere uccisi o crocefissi e le loro mani ed i loro piedi tagliati dalla parte opposta [Sura 5:33]- “Sappiate che il paradiso giace sotto l’ombra delle spade” [Sahlih al-Bukhari Vol 4 p55]

(Fonte http://www.qelsi.it/2015/tutti-i-versi-del-corano-che-incitano-allodio-e-alla-morte-degli-infedeli/)
Mentre nell’Antico Testamento è stato scritto:
Esodo, 2:12 – Mosè scorse un egiziano che picchiava un ebreo. Si guardò intorno e, non trovandovi testimoni, “uccise l’Egiziano e lo nascose nella sabbia.“
Esodo, 9:10 – Dio inviò una piaga di “ulceri che si trasformarono in pustole sulle persone e sugli animali.“
Esodo, 9:22-25 – Dio inviò una piaga di grandine che colpì uomini e animali, e che spogliò i campi.
Esodo, 12: 29 – Dio uccise il primogenito di ogni famiglia egiziana la cui casa non fosse stata contrassegnata da sangue d’agnello.
Esodo, 17:13 – Il bastone di Dio, retto dalle mani di Mosè sulla vetta del colle, permise a Giosuè di sterminare Amalec e la sua gente “passandoli a fil di spada“.

E nel nome di questi dei e profeti gli uomini sono incatenati alle loro credenze memetiche, sono imprigionati e costretti.
La chiesa cattolica iniziò con convertire i pagani tramite metodi “poco ortodossi”, già durante l’Impero Romano, appena ammesso ufficialmente il culto cristiano con decreto imperiale del 315, si cominciò a demolire i luoghi del culto pagano e a sopprimere i sacerdoti pagani.
Tra il 315 e il sesto secolo furono perseguitati ed eliminati un numero incalcolabile di fedeli pagani.
Esempi celebri di templi distrutti: il santuario di Esculapio nell’Egea, il tempio di Afrodite a Golgota, i templi di Afaca nel Libano, il santuario di Eliopoli.
Sacerdoti cristiani, come Marco di Aretusa o Cirillo di Eliopoli, vennero persino celebrati come benemeriti «distruttori di templi» (DA 468).
Dall’anno 356 venne sancita la pena di morte per chi praticava i riti pagani (DA 468).
L’imperatore cristiano Teodosio (408-450) fece giustiziare perfino dei bambini per aver giocato coi resti delle statue pagane (DA 469). Eppure, stando al giudizio di cronisti cristiani, Teodosio«ottemperava coscienziosamente a ogni cristiano insegnamento». (Fonte http://nero-vaticano.blogspot.it/2009/11/elenco-dei-crimini-della-chiesa.html)
Senza contare i processi per stregoneria in cui “dai primi tempi del cristianesimo fino al 1484 invalse la consuetudine di mandare a morte persone, perlopiù donne, che si credevano dotate di poteri soprannaturali, malefici e stregonici.

Nell’era vera e propria dei processi per stregoneria, dal 1484 al 1750, molte centinaia di migliaia di sospetti o colpevoli di pratiche stregoniche - secondo le stime degli storici - furono condannati a morte sul rogo o in seguito alle torture; percentualmente, i quattro quinti di essi erano donne (WV).
Un elenco (naturalmente incompleto) di queste vittime, conosciute spesso anche per nome, si trova nell’opera The Burning of Witches - A Chronicle of the Burning Times”. (Fonte http://nero-vaticano.blogspot.it/2009/11/elenco-dei-crimini-della-chiesa.html)

Religioni di morte che si nutrono della devozione dei fedeli che divengono complici inconsapevoli di un male quasi peggiore della peste. Si nutrono, avete letto bene, perchè nella catena alimentare, sopra l’uomo ci sono i DEVa, che chiedono atti DEVozionali perchè possano pascersi delle nostre energie mentali e che ci usano come un gregge... la versione drammaticamente reale del film “Matrix”, dove gli uomini accecati dal Velo di Maya credono di vivere una vita libera, mentre sono immobilizzati in una vita non vera (vedi il precedente articolo https://karmanautica.blogspot.it/2017/04/le-matrix-in-cui-siamo-imprigionatila.html )
ed usati come “pile” dalle ENTITA’ che si fanno chiamare Dei e dai loro sacerdoti di morte.

Il Karmanauta sa riconoscere la strategia che si nasconde dietro le tecniche induttorie e seducenti utilizzate, sia nella creazione dell’Inganno, sia di come questo venga portato avanti nella Società, nella religione, nella politica, nell’economia, e sa usare tutte le contromosse necessarie per svincolarsi (nel possibile) dalle ragnatele karmiche che essi creano.
Wake up people!






lunedì 17 aprile 2017

Le Matrix in cui siamo imprigionati:La Matrix Sociale


In questo articolo inizierò a parlare delle varie “Matrix” che vincolano la nostra vita, pilotandola karmicamente, riducendoci come tanti Thomas A. Anderson inconsapevoli dei meccanismi che ci impediscono di vedere la realtà delle cose.


Ci tengo a precisare che, dopo una ricerca sulla rete, nessuno ha parlato della Matrix al plurale, ma solo al singolare, come se ce ne fosse solamente una, errore ingenuo da chi non ha compreso l’operatività di questo sistema. In realtà le Matrix sono integrate e concatenate a loro stesse come fossero gli strati di una cipolla, interconnessi karmicamente come i quattro Mondi della Qabalah, la cui espressione della Matrix primaria ed originale è la più affine in termini di affidabilità.
Per parlare della Matrix Sociale sarebbe necessario rivedere la maggior parte di articoli che ho scritto  e che parlano delle aberrazioni comportamentali legate al vivere gomito a gomito con tutti gli individui che nel complesso formano la societas, il cui vivere è espressione arrogante di quell’ego di cui ultimamente si fa un gran parlare.
La Matrix Sociale è essa stessa formata a strati, che vengono definiti “Classi Sociali” e che secondo Wikipedia viene spiegata come una “strutturazione gerarchica di uno strato della popolazione in un raggruppamento abbastanza omogeneo, sia da un punto di vista economico (lavoro, casa, vestiario), sia sul versante culturale (livello di istruzione, titolo di studi, cultura generale)”.
Il vero problema è che l’omogeneità dichiarata nella spiegazione soprascritta non possiede un contraltare nella indole egoica dell’individuo, che, preso dalla necessità interiore di dimostrare, anche barando, sulla propria identità di classe, muta il proprio karma per adeguarsi a ciò che vorrebbe essere, infilandosi in un “canale” di cause ed effetti che raramente lo conduce a benessere e tranquillità.
E si vede l’uomo di bassa estrazione sociale faticare per poter arrivare ad acquistare oggetti di lusso, per poter dimostrare uno “status” che non possiede.

La pulsione ad acquistare o possedere questi beni materiali deriva da alcuni aspetti dell'inconscio che spingono gli individui con personalità meno sicure a utilizzarli per affermarsi, distinguersi, omologarsi, farsi accettare dallo strato sociale a cui appartengono o nel quale desiderano inserirsi, questa è l’espressione del dibattersi per emergere, non determinando quello che karmicamente comporta.
Sempre da Wiki suggerisco di riflettere su queste righe “Il SEGUIRE una moda (costosa) o l'OSTENTAZIONE di oggetti e stili di vita lussuosi sono comportamenti che - tutto sommato - sono inclusi e in larga parte accettati dal vivere in società, sia quando è possibile e consentita una certa mobilità tra diversi strati sociali, sia quando la divisione tra i gruppi sociali è più rigida.
In singoli individui o in gruppi omologati, la ricerca della propria affermazione sociale attraverso la messa in evidenza di oggetti e consumi di lusso può raggiungere livelli parossistici e compulsivi tali da innestare un circolo vizioso che tende solamente a giustificare se stessa.

Si possono ravvisare - in questi casi - degli aspetti psicopatologici che sottintendono una rinuncia all'affermazione del proprio IO attraverso la crescita delle qualità esistenziali, morali e conoscitive a vantaggio della propria imposizione forzata agli altri attraverso la proiezione di una immagine della propria ricchezza o della capacità reddituale.
Il fenomeno, poi, delle mode e il seguire pedissequamente quanto imposto da altri o dal gruppo, sottintende, specialmente in individui con personalità più debole, la rinuncia a ricercare un proprio modo personale e originale di comportamento e di proiezione del proprio essere”

Prendendo in esame le parole in maiuscolo del precedente scritto possiamo leggere l’OSTENTAZIONE come affermazione di quello che si vorrebbe essere, il SEGUIRE (ad ogni costo), uno status a cui non si appartiene, OMOLOGAZIONE come desiderio di confondersi ed appartenere ad una classe sociale che si ritiene migliore della propria, in parole povere una dichiarazione di sconfitta di ciò che si è a scapito di ciò che si vorrebbe essere, l’eterna lotta tra possedere ed essere.
Ecco come siamo intrappolati nella Matrix Sociale, ed ecco come questa produca fenomeni comportamentali come il consumismo, fenomeno definito economico e sociale piaga del nostro secolo che favorisce le multinazionali, costringendo l’uomo medio ad acquistare senza una reale necessità qualsiasi bene di consumo massificando ed esasperando l’acquisto attraverso tecniche pubblicitarie al limite della manipolazione mentale, al fine di far apparire reali, bisogni apparenti al solo scopo di incrementare la produzione. Come una droga, ogni acquisto viene tradotto in soddisfazione personale, dove è l’acquisto stesso ad essere la fase più importante anziché il prodotto acquistato, ricordate quando da bambini si desiderava un giocattolo con tutte le proprie forze ed una volta acquistato veniva poi, successivamente abbandonato?
Matrix Sociale che fagocita tutto ciò che incontra e che rende sottoforma di spazzatura in un entropico pranzo gargantuesco, tramoggia capitalistica che ingoia denaro e sputa veleni e scorie che rende il nostro pianeta simile ad una discarica, schiavi di essa, gli uomini cercano la loro meschina soddisfazione e come fuochisti di una enorme locomotiva alimentano la caldaia della nostra autodistruzione.

Essere Karmanauti significa anche saper dare il giusto valore a ciò che è superfluo e a ciò che è necessario, per non creare vincoli karmici e creare effetti indesiderati, per non essere come criceti che girano in tondo per tutta la vita per capire infine che la si è sprecata seguendo un miraggio.
Illusi da generazioni di “dittatori” che ci hanno inculcato il falso mito dell’opulenza a tutti i costi è ora di svegliarsi ad una vita migliore fatta di discernimento e di consapevolezza.

Wake up people!

domenica 26 marzo 2017

Contattisti, un nuovo futuro scientifico?

Questo articolo non tratta espressamente la Karmanautica, ma mi è sembrato doveroso affrontarlo perchè utilizza la teoria dell’Entanglement, concetto teoretico utilizzato anche nella mia disciplina, per spiegare la simultanea trasmissione di emozioni attraverso lo spazio che ho chiamato “Entanglement Karmico”. Ve lo propongo visto che sono tematiche che mi appassionano da sempre.
Il fenomeno del contattismo riguarda la connessione telepatica e/o fisica con esseri di natura extraterrestre: per quanto riguarda il contattismo di natura telepatica oggi è sempre più diffuso e, se è vero che ha contribuito a cambiare il sistema di credenze limitato e materialista dell'essere umano post-illuministico, è anche vero che le informazioni che giungono attraverso questa metodica di telepatia verticale non sempre sono attendibili.
Contattisti famosi furono il nostro Eugenio Siragusa, ma anche Claude Vorilhon, sedicente ultimo messia o profeta e fondatore del Movimento Raeliano, George Adamski, Billy Meier, Carlos Diaz, Fernando Sesma Manzano (protagonista di un presunto contatto con gli Ummiti), Elizabeth Klarer, Orfeo Angelucci, Riley Martin, Pier Fortunato Zanfretta per citarne alcuni.
Il CESNUR (Centro Studi Nuove Religioni) descrive una realtà che ha ormai un posto di rilievo nel quadro della "nuova religiosità contemporanea". Gli aderenti ai culti ufologici -- intesi come seguaci di "contattisti", cioè di persone che affermano di avere ricevuto dagli extraterrestri un messaggio religioso, distinti dai semplici "ufologi", che hanno per i dischi volanti un interesse che non è di natura religiosa -- superano i centomila nel mondo; in Italia sono più di mille, con un’influenza però su una cerchia assai più vasta.

Già Jung riteneva che i culti dei dischi volanti avrebbero avuto un ruolo importante nel ventunesimo secolo, come escatologie religiose modernizzate per venire incontro alle paure dell’uomo moderno e al suo desiderio di conciliare vaghe aspirazioni al sacro e scienza, mettendo al centro di nuove mitologie "angeli tecnologici" che costituiscono la versione moderna del deus ex machina degli antichi.

Teorie fantascientifiche? Visioni di persone disturbate? Allucinazioni sensoriali? Le opinioni dei “puristi” della Scienza più oltranzista e rigorosa affiderebbe questa tipologia di persone agli Istituti di Igiene Mentale preposti alla cura di malattie psichiatriche, e la stragrande maggioranza di scettici, dal CICAP a tutti i gruppi affini ad esso, tipo l’ European Council of Skeptical Organisations, sarebbero concordi a relegare nel regno della fantasia/raggiro, questa categorie di “medium dello spazio”, ma attenzione!
Nel regno delle speculazioni che riguardano la Fisica Quantistica ci sono novità che aprirebbero spiragli di vidimazione scientifica nei confronti del contattismo, sembra infatti che si stiano compiendo esperimenti affiancati al SETI (Search for Extraterrestrial Intelligence) per la ricerca di messaggi provenienti dallo spazio e da civiltà intelligenti! Infatti attraverso quel fenomeno quantistico chiamato ENTANGLEMENT (Ricordate il mio articolo riguardante l’entanglemente karmico?) sembra che le cellule cerebrali possano funzionare come “antenne quantiche” e captare i pensieri lanciati da qualche fratello cosmico... ma siccome io non sono un fisico teorico riporto interamente l’articolo... Troverete ottimi spunti di riflessione e magari (e lo dico per voi lettori) anche qualche punto di partenza per studi più approfonditi.


La fisica quantistica aprirebbe nuovo ipotesi e conferme sul contattismo e sui fenomeni paranormali!


UNA NUOVA VIA PER IL SETI: TRASMISSIONE E RICEZIONE NON-LOCALE DI MESSAGGI 

Come ben sappiamo, le ricerche finora condotte dal progetto SETI (Search for Extraterrestrial Intelligence) non hanno portato per adesso risultati confortanti. Non esiste infatti ancora evidenza che civiltà extraterrestri avanzate abbiano mai inviato segnali radio o ottici utilizzando le onde elettromagnetiche, le quali, per loro natura, sono tanto più deboli in ricezione, quanto minore è l'intensità del segnale e quanto maggiore è la distanza della sorgente che trasmette il segnale. Ma siamo sicuri che civiltà ben più avanzate della nostra impiegherebbero le onde elettromagnetiche per comunicare con noi? Quello che già oggi siamo in grado di capire sul meccanismo dell'entanglement, ci fa prefigurare che forse, in un futuro non lontano, potremmo noi stessi usare questo sistema per comunicare in maniera istantanea con altri esseri intelligenti nell'universo: questi, però, ci sarebbero riusciti prima di noi, visto e considerato che la statistica stellare e la teoria della probabilità prevede che possano esserci altre civiltà ben più evolute della nostra, in grado di utilizzare tecnologie per noi inimmaginabili. E infatti qualcuno qui sulla Terra sta già pensando di utilizzare il metodo dell'entanglement quantistico per ricevere e trasmettere messaggi in maniera non-locale. Uno di questi è il biofìsico statunitense Fred Thaheld, il quale intenderebbe utilizzare gli effetti di non-località che avverrebbero a livello biologico, e in particolare nel cervello. 
Gli esperimenti effettuati su contenitori separati di cellule neurali dimostrano eventi di entanglement. Stati di entanglement cerebrale sarebbero stati costruiti all'Università di Milano, dove sono stati fatti crescere neuroni in un contenitore. In seguito, si è preso un campione di cellule neurali da quel contenitore e sono state fatte crescere in un altro contenitore. L'ipotesi di partenza era che i neuroni presenti in entrambi i contenitori fossero connessi da uno stato di entanglement. Non restava allora che trovare un modo per manifestare questo stato. Fu utilizzato infatti un fascio laser - ben sapendo che i neuroni sono molto sensibili a certi stimoli elettrici - indirizzando il fascio laser sul secondo contenitore di cellule neurali, ben separato dal primo. Ciò che i ricercatori milanesi osservarono fu una eclatante reazione elettrica nei neuroni presenti in entrambi i contenitori, dimostrando così che il fenomeno dell'entanglement sembra avvenire anche a livello delle cellule neurali (ora sappiamo che non sono i neuroni in sé a reagire, ma i microtubuli in esso presenti, per via delle proprietà studiate da Hameroff e Penrose). 
Allo stesso modo, ma in maniera ancora più sofisticata - come si vedrà in dettaglio in seguito -, i cervelli di coppie separate di persone sono in grado di entrare, in certe condizioni, in stato di reale entanglement



Ciò è stato verificato analizzando i tracciati EEG di entrambe le persone. 
Questi esperimenti ci dimostrano che se è possibile verificare uno stato di entanglement a distanza tra cellule neurali o persone umane, è in linea di principio possibile ottenere lo stesso risultato tra cervelli tra loro separati da un oceano di anni luce. Questa possibilità ha una sua ragione di essere, in base all'assunzione cosmologica (prima trattata), che al momento del Big Bang tutte le particelle dell'universo dovevano essere tra loro entangled e che a certi livelli - come ad esempio il DNA o i microtubuli dei neuroni - questi stati di entanglement siano rimasti inalterati. Occorre solo risvegliarli in qualche modo, utilizzando tecnologie e strategie molto raffinate. Fred Thaheld ritiene che questa non solo sia una via percorribile, ma anche una via molto più sensata di quella percorsa dal SETI tradizionale: così ha messo a punto un progetto estremamente raffinato, che lui chiama "non-località astrobiologica" (o "bio-astro-entanglement). Thaheld ritiene inoltre che se ci poniamo in condizione di ricevere segnali del genere, non è detto che quello che riceveremmo debba provenire per forza da civiltà necessariamente più evolute della nostra. Se lo "entanglement neurale" è un fenomeno diffuso nell'universo, anche creature inferiori sarebbero in grado di inviare a caso e involontariamente segnali non-locali; al punto tale che l'universo sarebbe costellato di segnali del genere, che andrebbero a costituire una enorme e caotica foresta di "rumore", entro il quale noi dovremmo riuscire a spulciare svariati segnali che si intersecano tra loro. Al contrario, creature più avanzate di noi sarebbero in grado sia di inviare segnali intenzionali che di ricevere segnali dello stesso tipo, ma anche di riuscire a estrarre il segnale dal rumore cosmico di entanglement neurale di cui sopra. 
Il concetto che sta alla base del progetto di ricerca di Thaheld è che noi sappiamo che eventi neurali possono dare inizio ad eventi mentali, ma allora è anche possibile che succeda il contrario e cioè che eventi mentali diano l'innesco ad eventi neurali. Noi potremmo essere costantemente bombardati - da sempre - da segnali mentali del genere, senza che ce ne accorgiamo: una specie di "emissione mentale di fondo". Del resto, anche in altri aspetti l'universo presenta radiazione di fondo (in questo caso elettromagnetica e particellare) di vario tipo, rappresentata da neutrini, raggi cosmici, radiazione cosmologica nelle microonde, radiazione gravitazionale. Perché non anche l'emissione mentale, visto che oggi sappiamo che il meccanismo dell'entanglement non è più una fantasia? Quindi noi ci troveremmo a essere invasi da un bagno di emissione mentale di entanglement, caratterizzata da vari gradi di complessità, che ci apparirebbe solo come rumore se noi non trovassimo dei criteri, delle strategie e delle procedure per estrarre e decodifìcare il segnale che ci interessa. Teniamo presente che si tratterebbe di una caotica sovrapposizione di informazione entangled proveniente da un numero spropositato di sorgenti di vario tipo, che possono essere in larga parte non intenzionali (le civiltà meno avanzate o primitive) e in piccola parte intenzionali (le civiltà più avanzate). 
Ma come procederemmo per cercare di agganciare almeno uno di questi messaggi mentali? Secondo Thaheld, dovremmo monitorare attentamente il tracciato cerebrale EEG nostro, quello che proviene dal nostro cervello, per verificare se segnali particolari si sovrappongono al normale tracciato, che di per sé è già molto caotico. Ovviamente occorrerebbe effettuare un lavoro enorme di filtraggio, e soprattutto coadiuvati da procedure algoritmiche completamente informatizzate. E anche se riuscissimo a rilevare "segnali esterni" questi potrebbero anche provenire da altri cervelli umani, che produrrebbero una specie di fastidioso effetto perturbativo. Ci accorgeremmo, probabilmente, della natura aliena di certi segnali, solo andando ad analizzare in maniera profonda la struttura dei messaggi ricevuti e soprattutto la loro intenzionalità. In tal caso, sappiamo che sarebbero sicuramente molto ben studiati e codificati. Dunque, in questa maniera noi andremmo a cercare l'evidenza di intelligenze extraterrestri, studiando e spulciando in maniera certosina il tracciato elettro-encefalografìco del nostro stesso cervello!
Non ci sono comunque dubbi che sarebbe più facile intercettare informazione entangled proveniente da civiltà avanzatissime, in grado di far risaltare un segnale dal rumore di fondo. E queste civiltà potrebbero aver sviluppato le tecniche per generare e mantenere il meccanismo dell'entanglement tra esseri viventi nell'Universo. 



Ma oltre a ricevere messaggi, noi potremmo anche tentare di inviarne dei nostri, utilizzando esattamente la stessa tecnica utilizzata dai ricercatori milanesi con le cellule neurali in uno dei contenitori. Senza bisogno di usare il cervello di un essere vivente, potremmo utilizzare un contenitore di cellule neurali e stimolarlo con impulsi laser o magnetici, modulati in maniera intelligente al fine di inviare segnali ben codificati. Se invece non lavorassimo in trasmissione, ma in ricezione, oppure volessimo tentare di trovare una risposta al nostro messaggio, allora noi ci limiteremmo a osservare e a registrare semplicemente che tipo di attività elettrica emerge dal contenitore di cellule neurali. Poi, aspetteremmo alcune ore o alcuni giorni, per vedere se le cellule sviluppino attività elettrica di un qualche tipo, la registreremmo e la analizzeremmo, utilizzando algoritmi molto sofisticati per l'analisi del segnale; un tipo di algoritmo in grado anche di eliminare il "rumore elettrico" di fondo del cervello, al fine di permettere di far emergere il segnale forte e chiaro. Ci aspetteremmo segnali di carattere ripetitivo e con un pattern intelligente ben riconoscibile e confrontabile con i nostri modelli teorici. Questo sarebbe il criterio che ci permetterebbe di indirizzare la nostra interpretazione in direzione di un reale segnale alieno, riuscendo a discernere il segnale reale dall'enorme quantità di rumore di fondo. Inoltre è altamente improbabile che qui sulla Terra qualcuno sia in grado di inviare segnali del genere. Questa tecnica di analisi del segnale sarebbe sostanzialmente identica a quella utilizzata dal SETI standard; l'unica fondamentale differenza è che ci aspetteremmo di ricevere e trasmettere segnali in maniera istantanea! Per quanto questo sia un progetto che richieda un buon numero di risorse economiche e tecnologiche per essere realizzato, l'idea non è affatto peregrina dal punto di vista scientifico. 
Ovviamente, quando saremo sufficientemente maturi, al posto di contenitori di cellule neurali utilizzeremmo il cervello umano direttamente. Forse tra 100 anni, o forse meno, riusciremo a fare tutto questo. Già oggi siamo in grado di stilare un progetto realistico di massima, e anche di tentare i primi esperimenti. In fondo per partire ci basta utilizzare sofisticati sistemi EEG di acquisizione dei dati unitamente a un potente algoritmo di analisi del segnale, in maniera tale che possiamo subito iniziare a monitorare sia cellule neurali che cervelli di persone, con o senza stimolazioni esterne. 



Fonti:


sabato 25 marzo 2017

Quali conseguenze? Offuscamento dei rapporti tra causa ed effetto

E’ indubbio che la società sta affrontando un periodo di regressione mentale e comportamentale, i quotidiani sono pieni di articoli di cronaca nera e l’elenco delle aberrazioni ha raggiunto livelli da girone infernale. Non solo attentati di matrice estremista o criminalità importata attraverso le nuove rotte dei neoschiavisti, ma cosa ben più grave, una nuova imperfezione o deficienza che sembra riguardare i cosiddetti freni inibitori, quel meccanismo di barriera che separa le emozioni a cui vorremmo dare sfogo e ciò che invece, manifestiamo all’esterno. Questi freni inibitori sembra che abbiano perso la loro efficacia, basti guardare con quale barbarie vengono compiuti certi delitti, basti ricordare alcuni casi:
Luca Varani, seviziato, torturato e preso a coltellate e martellate dopo un festino a base di droga e alcool, morirà dissanguato per una profonda ferita al petto.
Sara di Pietrantonio, percossa, strangolata e data alle fiamme (forse ancora viva) dall’ex fidanzato.
Giulia Ballestri, uccisa a bastonate in viso ed in testa dal marito da cui si stava separando.
Albano Crocco, ucciso con due fucilate e decapitato con un machete dal nipote per futili motivi.
Passati in secondo piano dopo i delitti meno recenti (ma non meno efferati) di Avetrana, Novi Ligure, Carretta, Claps, Cogne etc....
Ma anche i minori non sono esenti e si distinguono per le spiccate tendenze criminali, è cronaca recente la violenza da parte di undici minorenni nei confronti di un tredicenne con problemi di apprendimento, 

ma anche sassi gettati dai cavalcavia o altri reati legati a lesioni personali, stupri di gruppo, reati contro il patrimonio etc.. si pensi che già nel 2015 i reati compiuti dai minori avevano raggiunto il 48% in più degli anni precedenti.

Cosa si può evincere da questo conclamato aumento di criminalità all’apparenza selvaggia e fine a se stessa? Secondo il mio parere si è perso il senso della conseguenza, si è spezzato quel rapporto tra la consapevolezza tra il gesto ed il risultato, tra la causa e l’effetto. Grosso danno secondo la Karmanautica, sempre tesa a trovare soluzioni alternative tra dialettica, azione e risultato.
Ormai la società sembra vivere in un limbo di inconsapevolezza e disinteresse, immersi in un delirio di onnipotenza e apparenza, anche la comunicazione stessa (come interfacciamento empatico tra persone) si è scissa in reale e virtuale grazie al fenomeno dei social.



 Un distacco apparentemente innocuo, ma in realtà dalla nocività ancora non quantificata, quello che è certo è che questi social, oltre ad essere uno strumento di controllo e di suggerimento “occulto”, è anche uno dispositivo di autocelebrazione egoica attraverso i cosiddetti “selfie” fini a se stessi, veicolo di bullismo e rischia di essere pure un metodo per i terroristi di fare proselitismo.
Il risultato di questa “virata” verso l’edonismo più anomalo e atipico, è una mancanza quasi assoluta della percezione riguardo il rapporto tra azione e conseguenza, che porta ai tragici risultati precedentemente citati, ed una mancanza assoluta di prospettiva del futuro e verso i traguardi personali, colpa di una famiglia assente e di uno stato distratto da interessi lontani dai cittadini.


Nessun insegnamento, nessun apprendimento, nessuna volontà, nessuna speranza, nessun obbiettivo, sembrano essere i mali che colpiscono quella percentuale di minori che delinquono,percentuale destinata ad una crescita esponenziale.
Ma anche una forte percentuale nella fascia che va dai 20/30enni non è esente da questo malessere, definiti bamboccioni, o choosy dai politici che mal governano il nostro paese, hanno perso obbiettivi e doveri, e si barcamenano tra pub, discoteche, ed altri passatempi sui generis, senza pensare a nulla, come non ci fosse un domani, ma già... ci sarà poi un domani? Da come vivono sembrerebbe di no.
La soluzione? Imparare la Resilienza, la Perseveranza, avere degli Intenti, adottare l’Adattabilità, la Gestione dell’ego e delle emozioni.
La resilienza ti rende forte di fronte alle avversità (immancabili) della vita, la perseveranza ti fornisce le energie per proseguire negli intenti, l’adattabilità ti rende “multitasking” e sempre pronto a gestire al meglio il tuo futuro, la gestione dell’ego serve per ridimensionare le proprie caratteristiche vedendo anche i propri lati negativi ed attraverso le qualità precedenti, modificarlo al meglio, la gestione delle emozioni serve per gestire il rapporto tra dialogo e azione, rendendo costruttivo un rapporto e non distruttivo.

sabato 11 marzo 2017

L’Uomo Cosmico


Da quando l’uomo ha iniziato ad avere coscienza si se, si presuppone verso i 2,3 milioni di anni fa, con la differenziazione dall’australopiteco, il suo sguardo si è sempre rivolto al cielo ritenendolo come sede di una trascendenza divina, le stelle, come occhi degli dei, sembravano osservare le vicissitudini umane con algido distacco. Questo rapporto speciale tra cielo e l’umanità è sempre stato, fin dagli albori, una fonte di curiosità sacrale  da parte di quest’ultima, studi per motivi religiosi o divinatori hanno sempre creato un incrocio di sguardi tra l’Alto ed il basso... fino ad arrivare ai giorni nostri, che vedono uno sviluppo di teorie tra stringhe, teorie inflazionarie e ricerca di nuovi pianeti abitabili, io come ricercatore nel campo della Karmanautica cerco un punto di incontro tra il filosofico ed il “tékhne”.
Questo “trasporto” dell’uomo nei confronti del Kosmos ha dato vita ad una serie di teorie che vedono uomo e cosmo in un rapporto di simbiosi e comunione, da Gregorio di Nissa ad Agostino d’Ippona, da Tommaso d’Aquino a Nicolò Cusano, dal Neoplatonismo a Leibniz  e a Spinoza, ancora una volta, il Dogma Ermetico “Come in Alto così è in basso, acquista un suo senso logico e condivisibile.


Le suggestive immagini dei frattali di Mandelbrot, attraverso la “Curva di Koch” esprimono al meglio questo concetto che vede il microscopico esprimersi nel macroscopico attraverso “pattern omotetici” e danno una moderna conferma ad antiche credenze.
Un salto nella storia: Platone nel Timeo parla dell’Anno perfetto, riferendosi al movimento precessione degli equinozi, movimento che la Terra compie attorno alla perpendicolare dell’eclittica. Tale periodo ha la durata di 25.800 anni circa. Cui prodest?
Uno sguardo alle funzioni biologiche del corpo umano:
L’uomo per digerire ed assimilare necessita di una durata ciclica di 24 ore (86.400 secondi)
per il ricambio di sostanze solide e liquide necessita di 6 ore (21.600 secondi)
la fecondazione dell’ovulo richiede 260 secondi
un atto respiratorio richiede circa 3,33 secondi
una pulsazione cardiaca richiede mediamente 0,83 secondi
l’io prende coscienza di ciò che lo circonda (il Velo di Maya) in 1/100 secondi
Ed ora un attimo di attenzione... se facciamo una serie di rapporti tra la “terna superiore” (Nutrizione, Ricambio, Riproduzione) e la “terna inferiore” ovvero il tempo necessario dalla funzione biologica corrispondente risulteranno questi risultati.

Nutrizione            86.400
----------------  =  -------------  =  25.920
Respirazione         3,33


Ricambio                     21.600
-----------------   =   ----------------- = 25.920
Circolazione                0,833

Riproduzione                260
------------------- =  -----------------  = 26.000
Percezione                   1/100

26.000, ovvero l’Anno Platonico... suggestivo vero?





Fonti:
https://it.wikipedia.org/wiki/Storia_dell'astronomia
https://it.wikipedia.org/wiki/Macrocosmo_e_microcosmo#Macrocosmo-microcosmo_nell.27et.C3.A0_moderna
http://misteri.newsbella.it/2-lezione-rapporti-tra-macrocosmo-e-microcosmo/
https://it.wikipedia.org/wiki/Anno_platonico
L’Onda di vita nell’armonia del Cosmo . C.Splendore ed. Technipress


Intervista su Hack the Matrix

La mia intervista su Hackthematrix, il notissimo sito sui misteri creato e gestito da Sergio Tracchi.
http://www.hackthematrix.it/?p=13375?p=13375%3Fp